So Sugar. Much Chemistry.

A long, long time ago a fool said that “we are what we eat”, if it was true then why are we not just a huge mass of sugar chains and proteins soaked in water? Would it not be exciting to see other blobs walking down the street? If you have not thought about it, yes … it would be gross.

Most of the food that we eat is made up of one of the most important “bricks of life”; that is, carbohydrates (or sugars, or saccharoids).  To close friends they reveal their real nature: they are just a bunch of molecules consisting of C(arbon), H(ydrogen) and O(xygen) in the ratio of 1:2:1 connected together thanks to the love they share for each other (i.e. chemical bonds). If you really want to be one of their coolest friends you will need to call them by their “nickname”, that is (CH2O)n (with “n” indicating the number of C’s present in the molecule). This “n”, as you may have already thought, is variable (e.g. from a minimum of n=3, to n=6 and more) and deeply affects how the molecule is going to be used by our organism as well as its structure.

Carbohy_structures

What are the differences that you can spot between the molecules I have just shown you? First of all you can notice that every structure has a different amount of atoms of Carbon. Secondly, you can definitely see that the three-carbon molecule is “linear” (visualise it as a stick with a few others that branch off of it, it is known that you cannot use it to practice with a Braavosi, but it will be still useful to beat Joffrey up). Why is that? Usually, carbohydrates can exist in the form of straight chains (e.g. the glyceraldehyde), but when added to an aqueous solution they curl up in the form of a ring. This happens because carbohydrates can be really scared of water, causing a reaction called “nucleophilic addition” (which I will explain only if you would like to know more about it!).

(c) The Geeky Burrow

(c) The Geeky Burrow

Something to know about biological molecules is that the structure matters, a lot. In fact, even just the slight structural difference can cause a change in how we see the compound. With the formula (CH2O)6 or C6H12O6 we indicate the type of sugar that we normally use during baking (in the concentrated form), also known as glucose, but there are two other carbohydrates with the exact same formula. These two are called “isomers”, which are molecules with same empirical formula but differences in the structure (an example? Lannisters: they have the same surname, but some of them are smaller, one likes to play with cats instead of … well, people and so on). The first one of these two molecules is called “fructose” and differs from the glucose for the position of the carbonyl carbon (the C=O), and falls in the group of “structural isomers” (differences in the carbon skeleton, which is the “central stick”). On the other hand we have “galactose”, whose hydroxyl group (-OH, also known as the “surprise group”) and hydrogen have a different arrangement in the structure (falling in the group of “stereoisomers”, where the modifications happen in the orientation of the functional groups – and I will talk about these in another article). The question is: why should I care about this? BECAUSE YOUR ORGANISM HAS SUPER POWERS. Our taste buds and enzymes have the ability to spot the differences between these molecules: for example, fructose is sweeter than glucose. Moreover, our organism can use a molecule of glucose and one of fructose to create what we call a disaccharide, which is two monosaccharides linked together by a reaction.

But what is a monosaccharide? What about disaccharides and … wait, I heard of polysaccharides too! WHAT ARE THESE? Why carbohydrates are so important to us? WWHHHYYY?

I will answer to all these questions in the next article so … stay tuned!
May the science be ever in your favour!

PS: you’d like to ask me something? Do it. Do you have doubts about something related to this article? Ask me! Do you just want to give me feedback? Contact me!
I will be more than happy to hear anything from you all :)

Did you know that?

img from Tumblr.

img from Tumblr.

Here I am after a long absence from this blog. As promised a long time ago, I will now start a new chapter of this adventure, which I had to pause for a while (lots happened in what-I-call “life off the internet”, a new job, a one week trip to Manchester and more – but I am not going to bother you with this matter). I will (hopefully not) annoy you with other kinds of subjects, all related to the majestic world of Science (yes, the one with a capital “s”). I am not going to drown you in a sea made of difficult academic terms for now; what I want to create with you has to start with an introduction that I suggest everyone should read.

Knowledge is the most powerful weapon anyone can have. If you are not sure about it, let’s think about every single dictatorship that has been set up throughout our history. Mussolini? Decided to abolish the usual way of studying, to modify what was being taught in school creating a deep fracture that didn’t allow the new generations to form a real knowledge of the world. Hitler? Did the same, filling schools with his ideals, convincing people without a proper education to follow him as the leader that was going to save them all, as well as burning books (which is not what The Doctor taught us about books, right?). These are just two examples of what can happen if we do not think about the importance of education or of knowing what is really going on around us. With knowledge you can try to divide “good” from “bad”, you can fight for your rights, you can simply do whatever you like with it.

img from Tumblr

img from Tumblr.

Carl Segan said that “we live in a society exquisitely dependent on science and technology, in which hardly anyone knows anything about science and technology”. To my opinion, this quote has a few meanings: the main one could be that we follow what people tell us. For example we accept that the Earth is round instead of flat or that it is us running in a circle around the Sun simply because “a person said that to me”, not because we know it. The questions to ask are “why does it do that? Why is it round?” and so on. We should not simply agree on what others are telling us, we should be eager to understand it, to actually listen to the explanation given. It is the explanation that gives us the ability to really understand something. Why did Hitler do that? How did he do that? What happened? Those questions will allow us to not make the same mistakes again, because we will know the right answers. Because we will have acknowledged the past.

I am not saying that we should not follow what doctors, scientists, politicians and so on tell us or that everyone should perfectly know everything in detail. Doctors, scientists and etcetera have studied all their lives to be able to tell us most of the things we hear, let’s not forget that. The meaning of this is that we need to understand “things” in order to judge whether following those people is good or bad for our lives. Knowledge makes us powerful, knowledge makes us aware of what is going on in this little world that we call home.

So, let’s fall in love with Science. Let’s understand it together. If we lose, well, we’ll have at least tried.

IIa. IELTS – I consigli.

L’I.E.L.T.S. è stato prenotato, vi state asciugando le lacrime per aver speso 200 euro e sentite già il tempo che, inesorabilmente, passa avvicinandovi alla data che tanto temete. Le uniche cose da fare, da oggi in poi, sono, di seguito: ripassare grammatica, esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi ed esercitarsi! La cosa più importante che dovete tenere bene in mente è una: l’I.E.L.T.S. non è difficile per l’inglese in sé, ma per la sua composizione; per poter uscirne vincitori dovete far in modo che la struttura non abbia alcun segreto. Il suggerimento è il più semplice di tutti: esercitatevi due/tre volte al giorno (ma non distruggetevi fisicamente e/o psicologicamente, non vi sarà d’aiuto!).

tumblr_n2wa1toGjz1s264mgo1_500

Img da tumblr.

Per aiutavi meglio nel percorso di preparazione, comunque, ecco una serie di suggerimenti che mi erano stati dati e che hanno funzionato alla grande (dovete, in qualsiasi caso, trovare il vostro metodo di studio):

Generale:

  •  Tentate in tutti i modi di stare tranquilli, stare in ansia non vi aiuterà minimamente ad ottenere il voto che volete – ma bensì il contrario. Ho visto ragazze che stavano per piangere prima di iniziare il test, persone terrorizzate che non riuscivano a stare ferme sulla sedia: credete che serva a qualcosa? La risposta è no, vi farà solamente affogare;
  •  Ricordatevi di portare con voi il documento che avete utilizzato per prenotare l’esame, altrimenti non vi faranno entrare (e nessun Gandalf Il Bianco arriverà all’alba per aiutarvi, ve lo assicuro);
  •  Leggete attentamente le istruzioni che vi vengono date negli esercizi. State attenti a: concessione dell’esercizio (se vi si chiede di inserire, come limite, 1,2 o 3 parole … state attenti a quante parole scrivete, altrimenti l’esercizio sarà nullo!), la grammatica (errori di spelling, grammaticali etc renderanno nulla la risposta, attenti!) e, infine, il contesto (la risposta deve avere un senso, altrimenti non aspettatevi che venga segnata come giusta).
  • Vi consiglio spassionatamente di esercitarvi nelle varie prove nel tempo prestabilito nell’esame, tenendo il conto anche la compilazione dell’answer sheet.

Listening:

  • Ricordatevi di rispondere mano a mano che ascoltate la traccia, e tenente bene in mente che le risposte sono sequenziali (un dato essenziale per orientarsi nelle domande). Quanto appena detto può, tuttavia, andare a vostro favore, sia che sfavore: se perdete una risposta, e vi si siete accorti dell’errore, non andate in panico o perderete le risposte successivi (sbagliarne una non è la fine del mondo, se ne errate di più diventerà un bel problema). Ricordatevi, comunqe, che la traccia audio non verrà ripetuta;
  • Appena vi verrà consegnato il fascicolo, leggete le prime domande, capite cosa vi chiedono e identificate le keywords (che vi faranno capire che state ascoltando la risposta alla domanda). Alla fine di ogni traccia vi verrà dato un minuto per rileggere tutto: non azzardatevi a farlo! Utilizzate quel tempo per leggere i quesiti successivi (individuare le parole più importanti e tutto ciò che vi può aiutare);
  • Per controllare tutte le domande vi verranno dati 10 minuti finali, dove potrete tentare di sistemare lo spelling delle parole, indovinare risposte non date e, cosa più importante, trasferire tutto nell’answer sheet. RICONTROLLATELA DUE VOLTE, non devono esserci errori di scrittura o di qualsiasi altro tipo.
  • Se siete stati posizionati in un posto in cui non si riesce a sentire niente, chiedete subito di essere cambiati, o altrimenti ne andrà del vostro voto finale.

Reading:

  • Calcolate bene il tempo, all’interno dei 60 minuti dovete includere il tempo necessario per trasferire tutte le risposte nell’answer sheet;
  • Evitate di leggere parola per parola, perderete solamente del tempo. Tentate di fare uno “scan” generale di ciò che leggete, anche perché non dovete studiare l’articolo/brano proposto, ma solamente averne un’idea generale;
  •  Non conoscete una parola? Saltatela senza pietà, il 90% delle volte si tratta di parole inutili alla finalità stessa del test;
  •  Nelle domande di completamento degli spazi (ad es. riassunti), le parole devono essere riportate perfettamente (es. se nella domanda vi richiedono una parola plurale e voi avete trovato una parola al singolare, ripensate a ciò che state facendo e capire che è sbagliata);
  •  Se non riuscite a rispondere a qualche domanda, tentate ad indovinare: mai e poi mai lasciare risposte in bianco, sbagliare non vi sottrae punti;
  • Leggete prima le domande, sottolineate le keywords e poi passate ai brani proposti (ripeto: lettura veloce;
  • Allenatevi il più possibile a leggere in inglese (vi assicuro che vi aiuterà a leggere più velocemente, e vi renderà più tranquilli nel leggere in un’altra lingua).
tumblr_n2hidj08m01trrowpo1_400

Img da Tumblr.

Speaking:

  • Entrate tranquilli, balbettare o svenire non vi aiuterà a far passare i 14 minuti più velocemente;
  • Prestate molta attenzione a ciò che vi viene chiesto, e non entrare in panico se vi propongono un tema di cui non possedete alcuna conoscenza: inventate neanche stessero piovendo menzogne, il vostro esaminatore è nella stanza per testare la vostra capacità di parlare inglese – non il contenuto del vostro discorso.
  • Non avete capito una domanda? Chiedete che ve la ripeta. Non capite una parola? Chiedete che vi venga spiegata. Vi scappa la cacca? Fatela da Pa– pazienza, tenetevela. Questo per farvi capire che l‘esaminatore non è li per farvi scavare la fossa, ma per aiutarvi. Inoltre, saper descrivere una parola per il suo significato (senza saperla esattamente) è un punto in più, perché ne sfoderete molte altre, così come saper chiedere in modo gentile che vi venga ripetuto qualcosa e così via.

Come vedete non ho consigli sul writing perché, in realtà, si tratta solo di capire come scrivere un essay, usare parole di un certo livello (senza ovviamente strafare) ed essere il più coerenti possibili con ciò che si scrive.

Di seguito alcuni link che vi potrebbero servire:

- Reading answer sheet;
Listening answer sheet;
Writing answer sheet;
Qualche aiuto per il writing!

Hai bisogno di qualche suggerimento in più? Hai qualche domanda/curiosità da sottopormi? Scrivimi (clicca *qui*)! Sarò più che felice di aiutarti nel percorso.

Keep calm and find the dragons!

II. La certificazione IELTS.

Deciso che sarà vitale poter comunicare con le persone che ti circondano, ora passiamo al passo successivo: ottenere una certificazione. Non hai letto il post precedente, e non sai perché mi metterò a parlare di questi esami? Clicca *quì* per capirne un po’ di più!

Come avevo anticipato la settimana scorsa, oggi parlerò dei principali test di inglese che hanno una valenza più o meno maggiore sia a livello internazionale, che britannico. Ogni test ha le sue differenze, sia di validità di tempo, che di struttura. Ricordatevi che, comunque, l’esame per la certificazione lo consiglio vivamente a chi vuole studiare/lavorare all’estero, e non solamente a chi decide di farsi una vacanzina di qualche mese per fare un’esperienza nel mondo della ristorazione. Questo perchè, a livello economico, fare un esame + corso o solo esame non è propriamente economico. Ma bando alle ciance, e partiamo con il primo (e che ho svolto): l’IELTS.

International English Language Testing System (I.E.L.T.S.):

Il test per antonomasia per chi vuole trasferirsi in una nazione anglofona (non parliamo, quindi, di Inghilterra nello specifico). Ogni anno viene sostenuto da circa 1,5 milioni di persone in tutto il mondo, chi per lavoro e chi per entrare nel mondo accademico straniero (pensate, pure la Khaleesi ha dovuto sostenerlo, che per Westeros ne aveva necessità!).

Le tipologie:
Academic: viene richiesto a tutti coloro che vogliono entrare in un’università anglofona, o a coloro che devono intraprendere una carriera nel mondo accademico/scientifico/giuridico. E’ più difficile rispetto al “general”, questo perché bisogna accertare la conoscenza di termini tecnici e di una determinata fluidità nell’utilizzo dell’inglese in un campo dove la lingua è vitale.
General: per tutti coloro che necessitano della certificazione per pratiche di immigrazione, di lavoro e, in generale, per scopi non universitari/accademici. Non vi sarà richiesto un linguaggio troppo “serio” (leggasi: di livelli universitari/business), e alcune parti sono l’opposto dell’academic (sui temi trattati e la forma dell’esame stesso).

Quindi, prima di capire che tipologia di esame intraprendere dovete, assolutamente, capire che farne della vostra vita: intesi?

La struttura:
Come viene mostrato nella figura, le due tipologie sono essenzialmente uguali nella struttura, ma i contenuti si diversificano di molto (io, tuttavia, mi concentrerò sull’academic, di cui ho avuto l’esperienza diretta).

Listening: è uguale per tutti e due i tipi, si tratta semplicemente di un ascolto di quattro diversi dialoghi (spezzoni di lezioni universitarie, interviste, telefonate, prenotazioni etc etc), durante i quali dovrete rispondere a delle domande (a numero variabile, in media sono 10 per modulo), dalle risposte multiple al riempimento di spazi vuoti. Bisogna specificare una cosa: la risposta bisogna darla mentre si ascolta il brano, che non viene ripetuto (esatto, chi si ferma è perduto. Altrimenti la difficoltà dove sta?). Dura trenta minuti e la difficoltà di ciò che vi faranno ascoltare aumenta gradualmente.

Academic reading: vi verrà consegnato un fascicoletto con, all’interno, tre sezioni diverse l’una dall’altra (sempre a difficoltà crescente). In questo caso (academic), il candidato si trova davanti a testi a base scientifica: articoli, reviews, brani tratti da libri (no, non quello di Peppa Pig, parliamo di trattati lievemente più difficili). Ogni sezione ha il proprio testo e, successivamente, delle domande a cui rispondere. I quesiti a cui rispondere vanno dall’identificazione di spezzoni del testo appena letto, ai vero/falso, all’abbinamento di titoli e così via. Dura 60 minuti e direte: “ce la faccio tranquillamente”, e io vi dico: “è fattibilissimo, basta essere veloci a leggere e non concentrarsi su ogni parola”.

Academic writing: finito il reading, la carissima personcina a cui voi vorreste solo sussurrare “dracarys” vi consegnerà un altro fascicolo, questa volta però c’è qualcosa di strano: due pagine sono completamente bianche, sarà mai che ci dovete scrivere sopra? E’ panico. Questa sezione è, a mio avviso, la più ostica perché al 90% vi presenteranno delle tabelle ( da pies alle charts e così via) che dovrete descrivere in modo scientifico/analitico. Il modulo comprende due tasks: la 1 e la 2; la prima si concentra sulla descrizione di un grafico (almeno 150parole), mentre la seconda sulla redazione di un saggio di 250 parole minimo (un po’ come il tema generale della maturità: argomento specifico ma che da’ possibilità di scrivere a tutti). Dura 60 minuti, e dovete stare attenti a praticamente ogni cosa, dallo spelling alla vostra grafia.

Speaking: uguale per le due tipologie, si tratta di una conversazione su diversi temi (suddivisi in 3 sezioni) con una persona in carne ed ossa, il fantomatico esaminatore: quello che ti guarda con sguardo truce e ti fa venire voglia di nasconderti, oltre che farti sciogliere anche con il condizionatore acceso (non è niente di tutto questo, tranne per l’ultima parte … quella sì, ve lo assicuro. Il mio esaminatore era un pezzo di pane, ha fatto pure finta di essere interessato a tutto ciò che gli dicevo). Dura 11-14 minuti, ed è studiato per permettere al candidato di usare il 99% dei tempi verbali ed esprimere il proprio lessico.

Le prove sono tutte consecutive (quindi: niente pausa, la vescica la mantenete piena o levate tempo dalla prova, decisione vostra!), potrebbe capitare che lo speaking venga fatto il pomeriggio o, in alcuni casi, il giorno seguente!

I risultati:
Vengono pubblicati sul sito ufficiale dopo 13 giorni dalla data dell’esame (si accede solamente tramite password, e potrete vedere solo i vostri – pensavate, eh?!).
Le bande di voto sono semplici: da 0 a 9 (per vederli nello specifico, clicca *qui*).
Il vostro Test Report Form (il documento che dovrete consegnare a qualsiasi istituzione ve lo richieda – leggasi: università, in questo caso) vi verrà inviato direttamente a casa nel giro di una/due settimane, e dovrete tenerlo protetto neanche fosse l’anello del potere. Hodor? Hodor!

La validità:
Due anni.

Costo:
199 euro.

Pregi:
– E’ il test per eccellenza per evitare di trovarsi nell’intoppo di non avere una certificazione riconosciuta (lo è pure in America).
– E’ consigliato a chi non è completamente sicuro di poter arrivare al risultato richiesto, in quanto l’IELTS ti fornisce, in qualsiasi caso, una banda di voto (che potrebbe avvicinarsi, superare o non toccare minimamente il vostro obbiettivo).

Difetti:
– Costa 200 euro (sono soldi che volano via dal conto in banca/portafogli, ma è il difetto di ogni cosa da pagare).
– Se lo dovete ridare, non vi faranno sconti di alcun genere (sono già gentili da permettervi di dargli 200 euro, credete che vi facciano pure uno sconto? Folli.)
– Dura due anni (ma non è necessariamente una cosa negativa, vi serve solamente per entrare all’università – poi voglio vedere chi non vi prende a lavorare “perché non hai una certificazione di inglese pur avendo studiato tre anni in Inghilterra”).

Corsi:
Personalmente vi consiglierei di fare tutto da autodidatti, magari facendovi seguire da un professore che vi controlli particolarmente nella sezione Writing. Ogni corso che vedrete online o che vi proporranno sarà sempre essenziale per la riuscita dell’esame, ma questo è il magico mondo del marketing e del commercio: abituatevi! Sulla rete potete trovare diversi corsi gratuiti (che non ho mai provato, quindi non saprei cosa proporvi di concreto), ed esistono libri veramente utili (io ho usato uno di questi) anche a solo 10/20 euro usati. Il costo di un corso che mi era stato proposto era di 550 euro, dico solo questo.

ATTENZIONE: ricordate che la certificazione dev’essere valida fin dall’inizio dell’università (quando entrate come studenti deve essere necessariamente valido).

Ps: in Italia, l’istituzione abilitata a poter svolgere l’IELTS è il British Council.

Fine prime parte (a breve anche l’esame Cambridge!)
Vuoi consigli? Hai qualche dubbio sull’esame? Chiedi pure! Sarò felice di aiutarti per come posso :)

Fonti:

- Wikipedia;
IELTS.org;
British Council;
– Esperienza personale (such cool, much fighezza!!1!).

I. La lingua.

Che tu stia decidendo di trasferirti in Olanda, Francia, Inghilterra o qualsiasi altra nazione la cui lingua madre non sia italiano, ciò che conviene fare è imparare a parlare come gli autoctoni del luogo in cui metterete radici.

Badate bene, questo passaggio può essere visto come obbligatorio o meno a seconda di quello che vogliate fare della vostra vita. Avete intenzione di farvi una vacanza di tre mesi in Inghilterra, lavorando come cameriere/a? Sarebbe consigliato, ma non è necessario avere una certificazione di lingua (benché non potrete aspirare a lavori diversi da, ribadisco, cameriere/a, barman/barlady e così via).Volete iscrivervi all’università o per lavorare stabilmente ? E’ vitale avere una “patentino” di lingua, principalmente perché, senza quello, nessuna, e ripeto: nessun tipo di istituzione vi considererà (sempre che, ovviamente, non vi siano accordi secondari che cambiano tutto).

Prima di capire il come, però, cerchiamo di approfondire il cosa. A livello europeo, la conoscenza della lingua viene descritta ed indicata tramite il Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), un metodo istituito dal Consiglio d’Europa tra il 1989 e il 1996. Questa griglia è suddivisa in sei livelli di competenza (che definiscono il livello di abilità nella lingua europea studiata):
A1: livello base;
A2: lvl. elementare;
B1: lvl. intermedio o “di soglia”;
B2: lvl. intermedio superiore;
C1: lvl. avanzato o “di efficienza autonoma”;
C2: lvl. di pardonanza della lingua in situazioni complesse

Per poter fare in modo che il livello posseduto abbia una validità legale ed ufficale (ad es: che possiate inserirlo nel CV come fatto accertato), bisogna sostenere un esame di lingua che vi conferirà un patentino/certificazione di lingua. Al momento esistono diversi tipi di esami (ovviamente a seconda della lingua di cui vogliate accertare la conoscenza), alcuni sono:

Inglese: 
- I.E.L.T.S;
- T.O.E.F.L. (ingl. americano);
- Cambridge (K.E.T., P.E.T., F.C.E., C.A.E., C.P.E.);
- B.U.L.A.T.S./B.E.C.

Francese:
- D.E.L.F;
- C.E.F.P.

Italiano:
- C.E.L.S.I;
- C.E.L.I.
Spagnolo:
- D.E.L.E;
- C.E.L.U.

Se mettessimo insieme tutti questi acronimi, probabilmente solo tutti i titoli di Daenerys Targaryen riuscirebbero ad uguagliarne la lunghezza.

Ogni esame vi metterà alla prova su quattro diversi piani di utilizzo della lingua, ovvero: ascolto, lettura, scrittura e parlato. E’ possibile, comunque, che ogni esame differisca leggermente l’uno dall’altro (ad es: diversa esecuzione, tempo di validità, modalità di correzione etc).
Vi chiederete: perché tutto questo tramtram? Perché è necessario certificare l’utilizzo pratico ed effettivo della lingua, sempre che voi non vogliate andare in Inghilterra e cominciare a comunicare a gesti (d’altronde, Hodor riesce a farsi capire… accettabilmente, hodor? Hodor!).

Dal mio punto di vista, preferirei conoscere un minimo della lingua madre della nazione che sto visitando, giusto per evitare di sorridere con fare inebetito mentre chi mi sta davanti si prende gioco di me. Lineare, no?

Nel prossimo articolo tratterò degli esami che vengono maggiormente accettati in Inghilterra (vi parlerò dell’esame che ho sostenuto io – I.E.L.T.S.-  e dei i vari Cambridge), per cosa si diversificano, come vengono eseguiti, quanto costano e tante, tante altre informazioni!
(Vuoi che approfondisca qualche particolare? Vuoi informazioni su qualcosa che ti ronza nella testa da qualche periodo? Mandami un messaggio o lascia un commento, vedrò cosa posso fare per aiutarti!)

Stay tuned, and may the Force be with you!

Paolo.

Fonti utilizzate:
- wikipedia ;

Welcome! Ciao!

Welcome to my blog! I’m Paolo, also known as the one that writes down this bunch of stuff.
First of all, few info about this blog (and other useless facts) :
– It’s mostly written in English (you might want to know that, if you’re going to read these articles);
– I’ll try to post on a weekly basis , stay tuned!
– If you like what you’re going to read/have read, just share the blog, follow and give me feedback so that I can actually know that I’m doing something good/bad;
– You could find loads of quotes from GoT and other nerdy-stuff, mainly because I’m a complete geek.

The three main projects will start in different times:
– “Pizza, Pasta, Pudding” (in italian) will start in March;
– “Homemade biologist” (in english) will start from mid April!
– “The Science behind baking” (in english) will start from mid April!

May the odds be ever in your favor!

tumblr_mb6gkiiS5X1rqem0io1_500
            ( gif from http://www.tumblr.com)